Il leader battistrada crea risonanza fissando e ottenendo obiettivi stimolanti ed entusiasmanti.

Sono entrato subito nel vivo del post per raccontarti le caratteristiche dissonanti di questo stile di leadership: lo stile battistrada può essere utilizzato con successo all’interno di un gruppo motivato e competente.  Il rovescio della medaglia dello stile leader battistrada è il pericolo di creare un clima un po’ teso.

Per Aspera ad Astra

Il leader battistrada aspira all’eccellenza e non si aspetta nulla di meno dai suoi collaboratori, il messaggio è molto chiaro. È più facile applicarlo in gruppi ristretti e soprattutto quando la compagnia, il gruppo è in fase di crescita.

Come nelle aziende, anche nello sport la ricerca dell’eccellenza è una missione di primaria importanza, quasi un’ossessione.

Alla base di tutto la disciplina, i risultati arrivano

Nella squadra nazionale neozelandese di rugby, che certamente conosci meglio con il nome degli All Blacks, vige una regola particolare. Alla fine di ogni incontro, dopo il briefing dopo partita, dopo i vari festeggiamenti e dopo la doccia ed essersi rivestiti, un paio di compagni della squadra riordinano il casino nello spogliatoio. Lo fanno perché è una questione di disciplina, non è previsto che sia qualcun altro a fare il lavoro al tuo posto.

Tra compagni ci si aspetta il massimo, niente di più, niente di meno.

La missione del leader battistrada è quella di far arrivare tutti all’eccellenza, individua le persone dalle prestazioni mediocri e semplicemente pretende di più da loro. E se non ci riesce?
Veste i panni di Mr. Wolf e risolve il problema. In prima persona.

Si va in scena. Il leader battistrada sul grande schermo

Un esempio molto chiaro di leader risonante è Jordan Belfort, il lupo di Wall Street interpretato da Leonardo di Caprio nel film diretto da Martin Scorsese.

Il giovane e ambizioso Jordan Belfort, dopo il fallimento della compagnia in cui lavorava come broker -a fianco di Mark Hanna– si propone ad un piccolo centro investimenti il cui scopo è proporre penny-stock, azioni di aziende dalle prospettive modeste. Per ogni azione venduta il broker ha un commissione del 50% e Jordan vuole approfittare e decide di dar vita a una una compagnia e di addestrare venditori.

Ed è qui che c’è il massimo esempio dello stile leader battistrada. Jordan Belfort si trova a disposizione solo venditori mediocri e con nessuna ambizione e semplicemente decide di intervenire in prima persona: “ecco come si chiude una trattativa al telefono”.

Il rovescio della medaglia

Il leader battistrada contribuisce a realizzare un clima competitivo e di tensione massima al risultato, ma come detto all’inizio, i costi emotivi possono essere importanti.

Quanto può essere logorante lavorare costantemente sotto pressione? Ad un certo punto l’ansia da prestazione potrebbe abbattersi sul gruppo, senza un ideale ispiratore le persone tendono ad atteggiamenti più conservativi e difensivi.

Un ambiente così strutturato non lascia spazio al talento innovativo.

Quindi se proprio vuoi adottare questo stile, cerca di dosarlo con quello visionario e affiliativo. In effetti, Jordan Belfort aveva capito molto bene questo meccanismo e aveva sostenuto il suo leader battistrada con quello visionario ⇒ voglio che risolviate i vostri problemi diventando ricchi.

Le caratteristiche

Ora ti aspetti un bel elenco puntato con le quattro dimensioni dell’intelligenza emotiva sulle quali poi individuare le singole caratteristiche.

In questo particolare stile di leadership è piuttosto difficile riscontrare dei match su tutte e quattro le dimensioni, altrimenti perché avrei dovuto descriverlo come il primo degli stili dissonanti.

Le principali caratteristiche del leader battistrada sono la motivazione al risultato e iniziativa, entrambe fanno riferimento alla dimensione dell Gestione di sé.

Se volessimo completare e armonizzare il profilo dobbiamo fare una bella iniezione di capacità di autovalutazione (Consapevolezza di sé) per rendere il leader battistrada in grado di rendersi conto dei propri fallimenti, a cui andiamo ad aggiungere una buona dose di empatia (Consapevolezza sociale), la sfrenata ricerca del risultato può distogliere l’attenzione dallo spirito del gruppo e causare uno stato di entropia.

A questo è necessario aggiungere  un addestramento al lavoro di squadra anche per migliorare la qualità della comunicazione.

Anche questo post è giunto al termine, ci vediamo tra qualche giorno qui per il leader autoritario, un autentico stronzo 😉

 

Ps. Photo by Martin Ceralde on Unsplash

Immagine evocativa di leader democratico. Un gruppo di persone che discutono un argomento. Sentire il parere altrui e decidere con consapevolezza
Previous post

Leader democratico: andiamo ai voti

In ambito militare e ospedaliero i ruoli di responsabilità vengono rappresentati come leader autoritari. Oggi non è più così, ma la figura del leader autoritario è ancora importante
Next post

Leader Autoritario: se dico salta...

Riccardo

Riccardo

Nato a Rovigo nel 1976, ottima annata. Era maggio, il 16, una domenica assolata e caldissima.
Sono nato con un'innata predisposizione al disegno, tanto da pensare di farne una professione.
Qualche anno dopo mi ritrovo prima Maestro d'Arti grafiche e poi diplomato.
Mi iscrivo all'Università di Bologna, l'Emilia-Romagna aveva già influenzato sia la mia parlata, sia la mia prospettiva. Divento dottore in Scienze Politiche, poi un percorso di specializzazione in Marketing Project Manager e infine il lavoro.
Altro Master in Web Marketing e Comunicazione che mi da occasione di incontrare Giorgio Soffiato, Rudy Bandiera, Riccardo Scandellari, Piero Babudro.
Intanto decido che 9 anni come Inside Sales sono abbastanza, anzi troppo, lascio per nuove mirabolanti avventure e per amore.
Roma. Rappresenta crisi e svolta.
Innamoratissimo di questa città, di questa vita, della mia mia compagna e della nostra piccola.
Ho capito che mi riesce bene aiutare gli altri, (dopo un bel po' formazione che reputo mai finita) per questo mi propongo come Coach.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.