Vendite

La risposta alla domanda fondamentale

Per esteso: “La risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto“. Sono certo che già dal titolo hai capito di cosa sto parlando. Sai molto bene che ho citato la Guida Galattica per Autostoppisti di Duglas Adams. Se effettivamente lo conosci come credo, significa che anche tu sei sufficientemente nerd e che, molto probabilmente, sai come finirà questo post.

Questo post nasce a causa di un riflessione.

Ho ripreso, recentemente, in mano il libro di Riccardo Esposito. Riccardo è un abilissimo scrittore che si è specializzato nella scrittura per il web (più semplicemente un webwriter). Il libro che ha scatenato la mia riflessione è Fare Blogging. Ho incontrato Riccardo online, ovviamente, almeno un paio di anni fa, e una volta soltanto di persona, qui a Roma.

Fare Blogging descrive un metodo, il metodo che Riccardo ha adottato e, a quanto ne so, adotta a tutt’oggi per scrivere ottimi contenuti per il web e, cosa ancora più importante, attirare “lettori”.  Ecco, appunto, i lettori. I lettori diventano l’obiettivo di questo canale. Aprire un blog significa necessariamente esporsi e condividere con gli altri.

Quindi, qual è la domanda fondamentale?

La domanda fondamentale è il perché, il motivo o gli obiettivi, o l’obiettivo, che mi dovrei porre. È evidente che i blog, la presenza sui social, le applicazioni di messaggistica istantanea, rispondono ad una necessità di attenzione. Siamo connessi gli uni agli altri anche per accontentare il nostro tratto narcisistico. Attenzione, ho scritto anche.

L’impressione che ho, quando leggo gli altri blogger è che tutti ne sappiano a pacchi, e oggi è indubbiamente così, ma come ho scritto nel precedente post, tutti quelli che io oggi seguo, quando hanno iniziato, molto probabilmente sapevano più o meno le stesse cose che so io oggi. Quello che voglio dire è che sono diventati esperti con il tempo.

RobotWisdom è il nome del primo blog pubblicato in rete da Jorn Barger, un commerciante che utilizzò lo strumento per condividere con la rete le sue esperienze e i suoi progressi ottenuti con il suo hobby. Era il 23 dicembre 1997. Jorn non aveva un piano editoriale, ma aveva semplicemente un forte interesse, molta passione e la voglia di condividere con gli altri, con la speranza, credo, di poter essere utile a chi, come lui, amava la robotica (o qualsiasi fosse il suo hobby). Insomma a Jorn, ad un certo punto, non è più bastato vantarsi al bar con gli amici.

Dal 2004 sono un venditore, posso dirmi esperto in vendite? La domanda fondamentale è, in realtà, capire se con le mie piccole esperienze posso essere utile a chi fa il mio stesso mestiere. È un obiettivo plausibile.

Dallo stesso anno mi occupo di consulenza in ambito HR, certo in modi diversi, dapprima con la fornitura di servizi per la ricerca e selezione del personale, poi con l’esperienza in ApL e ora con offrendo le migliori soluzioni software per la gestione delle risorse umane. Anche questo può essere un obiettivo, ovvero dare supporto nella scelta del canale giusto per rispondere ad un’esigenza di ricerca, selezione, amministrazione del personale.

Vogliamo aggiungere un paio di passioni? Sono appassionato di comunicazione e di marketing, mi piace il Giappone e il Messico. Mi piace cucinare, ho un’ottima mano che a volte uso per disegnare. Forse mi piacciono e mi interessano troppe cose, ma tutte trovano un po’ di spazio.

Nel libro di Marco FrecceroStarter Kit for Blogger, si legge:

L’aspetto meno compreso del Web è che riporta al centro dell’attenzione l’individuo. […]

e ancora

Cos’è importante nel Web? La risposta secca è: TU sei importante nel web

Quello che so è che il Web è dannatamente grande, ed è dannatamente complesso e che in questa complessità e grandezza ci sia un piccolo posto anche per il mio blog.

Allora come ti ho promesso all’inizio del post, scrivendo come titolo “la risposta alla domanda fondamentale”, ti ho dato un indizio per il saluto.

…grazie per tutto il pesce.

Previous post

Less is more

Next post

Cambia il Facebook feed

Riccardo

Riccardo

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *