Diventa un leader risonante

Written by on 15 Settembre 2020

Il termine leader risonante ti ha incuriosito?

Forse vuoi intraprendere un percorso per diventare un leader (risonante) e qualche algoritmo ha fatto il resto. Oppure, se stai leggendo questo post è perché, probabilmente, hai letto i precedenti post sulla leadership.

Leadership e intelligenza emotiva

Se sei in grado di provare emozioni e a distinguerle fra loro, ho una buona notizia per te, sei dotato di intelligenza emotiva e questa competenza ti permetterà di diventare un ottimo leader risonante.

La risonanza riduce il rumore di fondo e amplifica l’armonia, non solo quella musicale, ma quella emozionale. Un leader risonante lo riesci a distinguere abbastanza facilmente se contrapposto al leader demagogo e a quello dissonante.

Demagoghi e leader dissonanti

I demagoghi lo liquidiamo in fretta. Essi (essi va interpretato alla Renato Pozzetto) diffondono messaggi emozionali che suscitano emozioni negative, la demagogia spinge le persone a temere e odiare qualcosa.
Naturalmente sai quanto rabbia e paura abbiano un effetto logorante.

Se vuoi stimolare qualcuno a fare qualcosa non sarà certo con la paura e l’odio. Certo nell’immediato abbiamo risultati, ma l’odio e la paura consumano i propri carrettieri.

Il demagogo è vicino al leader dissonante perché anche quest’ultimo ha il potere di far dilagare nel gruppo: rabbia, paura, apatia e silenzio pesante. In pratica è Sauron de Il Signore degli Anelli!

Torno a parlare di cose belle.

Le emozioni che ho appena descritto sono attività primordiali. Il cervello razionale si è evoluto dal nostro sistema limbico. La nostra solerte amigdala non si risparmia nel captare e registrare tutto ciò che ci circonda e in caso di necessità può decidere di prendere il controllo.

Un sistema che ha permesso alla nostra specie di evolvere e progredire. Tuttavia le minacce che ci circondano oggi sono diverse, ma la brava amigdala non lo sa e quindi se qualcosa ci “attacca” o ci mette in condizioni di “pericolo” ecco che prende il controllo. Ovvero quello che David Goleman chiama sequestri emozionali.

Se vuoi diventare un (bravo) leader risonante dovrai imparare a riconoscere e gestire le emozioni, questo ti permetterà di compiere scelte opportune dal punto di vista logico e sostenibili dal punto di vista “ecologico” (in questo caso lo intendo mutuato dalla PNL dove per ecologia -di un obiettivo- viene intesa la sostenibilità per noi e il nostro ambiente relazionale).

Quindi, quali sono queste “cose” che devi imparare.
Bene. Il leader risonante opera all’interno delle quattro dimensioni dell’intelligenza emotiva. Anzi, la dico meglio, è competente in almeno una delle quattro dimensioni dell’intelligenza emotiva. E quali sono?

  • Consapevolezza di sé
  • Gestione di sé
  • Consapevolezza sociale
  • Gestione dei rapporti interpersonali

Queste dimensioni sono interconnesse ed è necessario partire dalla consapevolezza di sé. Attraverso la consapevolezza impariamo a conoscere le nostre emozioni e a gestirle, evitando così che siano loro a gestire noi.

Imparando a conoscere le emozioni, imparando a gestirle, riuscirai ad sviluppare una maggiore consapevolezza sociale… mai sentito parlare di empatia. Bene!

Grazie all’empatia potrai tentare di capire come se la passa il tuo prossimo, anche se non hai provato quell’esperienza. Ricordi, il sistema limbico a circuito aperto (?).

Sembra una passeggiata nevvero (scusami ma non vedevo l’ora di usare nevvero)?

Ultimo sforzo

Ora conosci i tuoi valori, i tuoi ideali, e riconosci le tue emozioni, sai gestirle. Inoltre, sei più consapevole che anche gli altri hanno delle emozioni e quali stanno provando. Ecco ora sei in grado anche di dirigerle.
Essendo il leader, il primo ad andare, conoscendo già il percorso, sarai in grado di condurre gli altri rispetto ai tuoi obiettivi.

Complimenti, ora sai come diventare un leader risonante. Ma sai di quante frecce dispone il tuo arco per esercitare la leadership? Ok, questo te lo racconto in un altro post.

ps.: Photo by Mohammad Metri on Unsplash

Tagged as , , , ,



Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.




Search
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: